AMBIENTE

OPERARE CON EFFICIENZA GUARDANDO AL FUTURO

Ferragamo da sempre pone al centro delle proprie politiche di sviluppo il tema della sostenibilità. Al fine di tutelare l’ambiente, il Gruppo persegue l’obiettivo di contribuire in modo positivo alla protezione e alla salvaguardia dello stesso, attraverso lo sviluppo di strategie e iniziative volte a favorire la minimizzazione degli impatti ambientali connessi allo svolgimento delle attività aziendali.

03-FootprintCommitment_new_1920x1080

IL NOSTRO IMPEGNO PER L'AMBIENTE

L’impegno concreto del Gruppo a proteggere e tutelare l’ambiente si è tradotto nel 2023, nell’inserimento tra gli obiettivi di breve e lungo periodo di Gruppo di 3 indicatori relativi a tematiche ESG: definizione ed implementazione di strategie orientate alla riduzione delle emissioni, impegno del Gruppo all’utilizzo dei materiali sostenibili e la riduzione fino a completa eliminazione dell’uso di sostanze chimiche nei processi produttivi. Tali obiettivi saranno oggetto di valutazione attraverso 3 indicatori che concorreranno alla definizione degli obiettivi di Gruppo nei titolari di bonus obiettivi variabili, sia di lungo che di breve periodo.

In linea con l’impegno ambientale adottato e con gli obiettivi strategici come sopra descritti, Ferragamo ha intrapreso varie partnership con provider logistici per la compensazione di emissioni di CO2 generate dalle spedizioni dei propri prodotti attraverso l'adesione a progetti certificati carbon neutral, tra cui un accordo con UPS per le spedizioni negli Stati Uniti dei prodotti ordinati tramite eCommerce e una partnership con DHL Express per le spedizioni eCommerce in Europa.

A partire dal 2016, per tutto il perimetro italiano, Ferragamo ha ottenuto le Certificazioni ISO 14064, legata alla rendicontazione delle emissioni di CO2, ISO 14001, che definisce un Sistema di Gestione Ambientale e ISO 50001, al fine di garantire un uso più efficiente e sostenibile dell’energia.

Dal 2017, l’Azienda partecipa volontariamente al questionario CDP Climate Change al fine di favorire la trasparenza e la rendicontazione delle emissioni di CO2. Nel 2023, Ferragamo ha ottenuto uno score CDP Climate Change pari ad A-, in miglioramento rispetto allo score B del 2022, grazie al rafforzamento dei processi di gestione e divulgazione del rischio legato al cambiamento climatico e di gestione dell’energia. Sulla base del questionario CDP 2022, Ferragamo è entrato nel 2022 CDP Supplier Engagement Leaderboard, classifica che celebra le aziende più virtuose per la capacità di coinvolgere i fornitori sul tema del cambiamento climatico.

SCIENCE BASED TARGETS

A conferma dell’impegno in tema di sostenibilità e in linea con il livello di decarbonizzazione necessario per prevenire i più dannosi effetti del cambiamento climatico, il Gruppo Salvatore Ferragamo ha definito i science-based targets per ridurre le emissioni di gas ad effetto serra (GHG). Due importanti obbiettivi da raggiungere entro il 2029 e approvati dalla Science Based Targets initiative:

  • Ridurre del 42% le emissioni GHG assolute dello Scope 1 e Scope 2 entro il 2029 rispetto al 2019;
  • Ridurre del 42% le emissioni GHG assolute dello Scope 3 derivanti dall’acquisto di beni e servizi e dal trasporto e distribuzione a valle entro il 2029 rispetto al 2019.

Promossa da CDP, United Nations Global Compact, World Resources Institute (WRI) e World Wide Fund for Nature (WWF), la Science Based Targets initiative stabilisce e promuove le best-practice nella definizione dei science-based target, oltre a valutare gli obiettivi delle aziende.

04-ScienceBasedTargets-600x600

EMISSIONI

La ricerca di soluzioni relative alla mobilità sostenibile è parte integrante della visione di sostenibilità di Ferragamo, che si occupa dell’ottimizzazione degli spostamenti dei dipendenti ed opera anche al fine di individuare azioni che consentano la riduzione degli impatti ambientali, quali iniziative di car sharing e carpooling. Sempre in quest'ottica, dal 2021 l’Azienda ha intrapreso una partnership con Alphabet, società del Gruppo BMW che si occupa della fornitura di servizi di mobilità aziendale, per la sostituzione della flotta di oltre 150 veicoli aziendali in Italia con vetture Plug In Hybrid o Full Electric, con l’obiettivo ridurre le emissioni di CO2.

Le auto della nuova flotta aziendale hanno emissioni medie di 82 gr di CO2 nel 2023, contro il precedente parco auto che presentava emissioni medie di 115 gr/Co2 per veicolo.
Il risparmio di CO2 stimato per il 2023 è pari a 80 tonnellate di CO2 (considerando una media di 24000 KM/anno per auto).

Anche la mitigazione degli effetti del climate change è uno degli obiettivi principali del Fashion Pact, che, tra gli altri impegni, richiede ai propri membri di adottare specifici obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2. In quest’ottica, il Gruppo ha previsto l’abbattimento e la compensazione delle emissioni di CO2 tra le priorità definite all’interno del Piano di Sostenibilità del Gruppo.
A conferma di tale impegno si è avuto un risparmio del Gruppo di 1500 tonnellate di CO2eq (-10,3%) rispetto al 2019 e un risparmio di 160 tonnellate di CO2eq rispetto al 2021 (-1,2%), considerando gli scope1 e scope2 dell’iniziativa Science Based Targets di Gruppo.

MOBILITY

Anche la ricerca di soluzioni di mobilità sostenibile è parte integrante della visione di sostenibilità del Gruppo, che si è dotato, in Italia, di un Piano Spostamenti Casa-Lavoro per la sede di Osmannoro e, da anni di un Mobility Manager, con lo scopo di ottimizzare gli spostamenti dei dipendenti e promuovere soluzioni che consentano la riduzione degli impatti ambientali. In quest’ottica, nel 2022 sono state rinnovate alcune iniziative di mobilità sostenibile, quali il servizio di Carpooling aziendale e l’attività Bici&Piedi, entrambe in collaborazione con JoJob. La partecipazione a Bici&Piedi, che consente a chi si reca al lavoro a piedi o in bici di partecipare all’iniziativa e di ridurre le emissioni di CO2, è stata estesa inoltre alla micro-mobilità elettrica.

Nel 2022 il servizio di collaborazione con JoJob è stato esteso anche all’headquarter di Milano e alle sedi dei negozi Retail dell’area urbana. Nel 2022, infine, sono state confermate le convenzioni a favore dei dipendenti con alcune case produttrici di auto e motoveicoli, nei cui listini sono presenti mezzi ibridi ed elettrici, con servizi di car sharing e con provider di micro-mobilità sostenibile, come To-tem.

Nel 2022 grazie ai servizi di car sharing e Bici&Piedi in collaborazione con JoJob si è avuto un risparmio di 31.000 km, pari a un risparmio di 4 tonnellate di CO2.

Nel 2023 mantenendo la stessa collaborazione con JoJob si è avuto un risparmio di 25.000 km, pari a un risparmio di 3,2 tonnellate di CO2.

04-Biodiversità_new_1160x773 (1)

Biodiversità

Per il Gruppo Salvatore Ferragamo la tutela e la promozione della biodiversità sono elementi caratterizzanti dell’approccio alla responsabilità ambientale e alla promozione del Made in Italy che contraddistingue il Brand fin dalle origini.
Nella consapevolezza che le proprie attività sono intrinsecamente connesse e dipendono dal capitale naturale, nel 2020 il Gruppo Salvatore Ferragamo ha deciso di impegnarsi ulteriormente nella protezione e promozione delle risorse naturali attraverso un Manifesto per la Biodiversità.
Il Manifesto formalizza il commitment del Gruppo in ambito di tutela della biodiversità, con l’obiettivo di contribuire in modo positivo alla salvaguardia dell’ambiente, attraverso lo sviluppo di strategie e iniziative volte a favorire la minimizzazione degli impatti ambientali lungo tutta la catena del valore.

05-circular economy_1920x900

ECONOMIA CIRCOLARE

L’impegno verso l’economia circolare viene portato avanti dal Brand con un approccio a 360°: dall’inserimento in collezione di materie prime rigenerate e circolari alla scelta di packaging certificato e post-consumer, dall’attenzione verso il riutilizzo o la donazione di materie prime obsolete alla scelta di rafforzare nei prossimi anni il consumo di energia proveniente da fonti rinnovabili.

Al fine di stimolare la collaborazione e l’innovazione necessaria per creare una nuova industria della moda allineata con i principi dell’economia circolare, negli anni, la Ferragamo ha partecipato a network ed iniziative dedicate allo sviluppo di questi temi. Tra queste, l’Alleanza Italiana per l'Economia Circolare, che vede la partecipazione di imprese di diversi settori, attive nel “Made in Italy” e riconosciute a livello internazionale, promuove lo sviluppo di modelli di business basati sulla condivisione, l’estensione della vita utile dei prodotti, il riuso e l’utilizzo di energia e risorse rinnovabili. Nel 2020, tramite un Position Paper, che identifica azioni prioritarie ed esperienze di valore e avanza proposte concrete per lo sviluppo della circolarità in Italia, l’Alleanza ha rinnovato il proprio impegno nel portare il tema dell’economia circolare al centro dell’agenda politica. Nel 2023 Ferragamo ha aderito al Monitor for Circular Fashion, un progetto multi-stakeholder a cui prendono parte aziende leader del settore moda e attori della filiera con il contributo scientifico del Sustainability Lab SDA Bocconi. Il Monitor diffonde buone pratiche di moda circolare, valorizzando competenze tecniche, manageriali e scientifiche, con l'obiettivo di contribuire alla transizione verso modelli di business circolari.

PACKAGING CERTIFICATO

Il Gruppo Salvatore Ferragamo, in linea con la gestione responsabile del proprio business, si impegna fortemente nella riduzione dei consumi di materiali quali carta e plastica. In merito al packaging in carta per le attività retail, il Gruppo Salvatore Ferragamo predilige la carta certificata Forest Stewardship Council che attesta la corretta gestione forestale e la tracciabilità dei prodotti derivati. Il logo FSC garantisce che il prodotto sia stato realizzato con materie prime derivanti da foreste gestite secondo i principi di sostenibilità. Con l'avvio di una nuova visione e direzione creativa Ferragamo ha introdotto un nuovo packaging integrando ulteriori elementi di sostenibilità. Il nuovo iconico packaging rosso, è interamente realizzato con una carta istituzionale certificata FSC, composta all’80% da fibre post-consumer waste. Altri elementi di sostenibilità caratterizzano il nuovo packaging: manici delle shopping bag in carta FSC e rinforzi delle scatole e delle shopping bag in cartone riciclato. Al fine di promuovere un lusso più sostenibile e di eliminare il ricorso alla plastica monouso, nel 2022 il Gruppo ha completato la sostituzione di polybag per il trasporto dei prodotti con alternative in bioplastica e plastica riciclata e riciclabile ed ha portato avanti la progressiva sostituzione delle etichette con un’alternativa in poliestere 100% riciclato. Inoltre, le grucce utilizzate per i capi Ferragamo sono in plastica 100% riciclata post-consumer e i sacchetti utilizzati per il packaging di prodotti quali calzature, borse e accessori sono Made in Italy e realizzati in tessuto 100% cotone, così come i copri abiti utilizzati per l’abbigliamento, che presentano anche una fodera in poliestere 100% riciclato. I materiali innovativi e a basso impatto ambientale sono utilizzati anche per il packaging di alcune spedizioni eCommerce. Dal 2022 Ferragamo utilizza infatti un riempitivo in carta e dal 2021 ha avviato l’utilizzo di scatole in cartone certificato FSC e al 78% riciclato.

Packaging new
ISO 14001
CERTIFICAZIONE PER TUTTE LE SEDI E GLI STORE ITALIANI
ISO 14064
CERTIFICAZIONE PER TUTTE LE SEDI E GLI STORE ITALIANI
ISO 50001
CERTIFICAZIONE PER TUTTE LE SEDI E GLI STORE ITALIANI
100%
ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI SUL SUOLO ITALIANO

Video girato nel 2018

I NOSTRI LUOGHI

L'impegno verso la tutela ambientale del Gruppo Salvatore Ferragamo si traduce anche nella gestione e nello sviluppo delle proprie sedi in modo sempre più sostenibile. Negli anni il Gruppo si è attivato al fine di ottenere le principali certificazioni ambientali per le proprie sedi in un'ottica di salvaguardia e rispetto dell'ambiente, estendendo tale commitment anche all’area retail. Per quanto riguarda le sedi italiane, inoltre, il 100% dell’energia utilizzata proviene da fonti rinnovabili e, in un’ottica di efficienza energetica, in più edifici della sede di Osmannoro è presente un sistema di gestione computerizzato, il Building Management System (BMS), che consente il controllo e il monitoraggio degli impianti meccanici ed elettrici. Sempre in Italia, la sede fiorentina di Osmannoro ha visto diversi interventi di riqualificazione, quali l'inaugurazione di un Nuovo Polo Logistico Certificato LEED Platinum; la creazione di un'area verde circa 8.000 mq.; e la riqualificazione in ottica sostenibile dell'edificio M certificato LEED Platinum, dove è stata trasferita la Manovia e l'Archivio Storico. Le iniziative sostenibili hanno coinvolto anche il Museo Ferragamo, che ha completato l’iter di rendicontazione delle emissioni di CO2 legate alle proprie attività ed ha ottenuto lo standard internazionale ISO 14064, divenendo il primo museo aziendale green d'Italia.

10-Archive-960x1280-ALT
11.Report-1920x700

ANNUAL REPORT
2023